Skip to main content

An: A tutto il Consiglio federale svizzero

Salvare una famiglia afgana dai talebani

Salvare una famiglia afgana dai talebani

English version: https://act.campax.org/petitions/rescuing-an-afghan-family-from-the-taliban
Deutsche Version: https://act.campax.org/petitions/afghanische-familie-von-den-taliban-retten
Version française: https://act.campax.org/petitions/sauver-une-famille-afghane-des-talibans

Con la presente chiediamo che il Consiglio federale (sulla base della legge sull'asilo, cap. 4, art. 66) conceda protezione alla famiglia afgana S. Sollecitiamo il Consiglio federale ad agire il più rapidamente possibile e a concedere immediatamente alla famiglia un ingresso non burocratico come rifugiati con status di protezione.

Il giornalista afgano della BBC Ismael S. ha chiesto asilo in Svizzera 3 anni fa. La sua famiglia di 6 persone era ancora in Afghanistan e solo pochi giorni fa è stata evacuata a Kiev da forze militari e volontari in uno sforzo senza precedenti poco prima del ritiro delle forze alleate. Hanno un grande e urgente bisogno di aiuto. La Svizzera dovrebbe essere all'altezza della sua responsabilità umanitaria e permettere urgentemente il ricongiungimento della famiglia e offrire loro protezione.

Warum ist das wichtig?

Si tratta della famiglia di Ismael S., un giornalista afgano della BBC, difensore dei diritti umani e richiedente asilo in Svizzera da quasi tre anni. Tutta la sua famiglia ha però continuato a vivere in Afghanistan in questi tempi difficili dell'ascesa dei talebani. Sua moglie e i suoi figli hanno sofferto molto. A causa della grave minaccia alla loro sicurezza, hanno dovuto cambiare continuamente luogo di residenza. La moglie del signor S. è già gravemente malata. I bambini soffrono di problemi psicologici, sono isolati e sono gravemente depressi perché sono stati privati del contatto con bambini della loro età per molto tempo e non conducono una vita normale.

La vita della famiglia è in grave pericolo. Dopo il ritiro delle forze occidentali, la popolazione civile è indifesa contro i talebani estremisti. I talebani stanno già andando porta a porta a cercare i giornalisti che hanno lavorato per i media stranieri e le loro famiglie. La famiglia S. teme ritorsioni perché il signor S. ha difeso a lungo i valori occidentali. Inoltre, la famiglia appartiene alla minoranza religiosa ed etnica Hazara, che è un obiettivo dichiarato dei talebani. Questa famiglia di sei persone, con cinque donne e ragazze, è particolarmente vulnerabile. In Afghanistan I loro diritti sono massicciamente limitati e senza protezione, potrebbero essere costrette a diventare schiave sessuali dei talebani o a sposarsi o essere sottoposte ad altre brutalità.

In uno sforzo senza precedenti di gruppi di volontari in quattro paesi diversi, la famiglia è stata evacuata da Kabul il 26 agosto a causa della sua alta vulnerabilità, durante una pericolosa e lunga operazione in coordinamento con l'esercito americano e funzionari ucraini. L'aereo militare che trasportava la famiglia è decollato, dopo quasi 24 ore di attesa all'ingresso dell'aeroporto e sulla pista, non appena l'attacco suicida si è verificato alle porte dell'aeroporto. Sono arrivati a Kiev il 28 agosto e hanno ottenuto un visto di transito di due settimane per poter richiedere un visto umanitario all'ambasciata svizzera. Il sistema d'asilo svizzero è molto restrittivo e le possibilità di ottenere protezione sono scarse. Pertanto, dopo essere stata evacuata da Kabul, la famiglia è ancora separata, in un limbo legale, molto vulnerabile e con un futuro incerto, compreso il rischio di essere rimandati in Afghanistan.

Ismael S. ha lavorato per 15 anni per i media nazionali e internazionali, la maggior parte del tempo per la BBC, in Afghanistan, ed è stato un forte sostenitore dei valori democratici e dei diritti umani. È sfuggito a due tentativi di rapimento e ha ricevuto molte minacce dai talebani e da altri gruppi estremisti. A causa di queste gravi minacce alla sua vita, ha dovuto fuggire nel novembre 2018 e ha chiesto asilo in Svizzera.


Ich habe unterzeichnet, weil...

  • Perche' dobbiamo aiutarci per stare bene!!! Il mondo offre tutto per tutti, bisogna saper condividere e non essere egoisti!
  • Solidarietà
  • È dovere di chi sta bene aiutare in qualche modo chi soffre.

Neuigkeiten

2021-09-15 17:17:45 +0200

La famiglia S. è arrivata a Kiev il 28 agosto e ha ottenuto un visto di transito di due settimane per richiedere un visto umanitario all'ambasciata svizzera. Legalmente, la famiglia soddisfa tutti i criteri per fare domanda. Tuttavia, l'ambasciata svizzera a Kiev non ha ancora dato un appuntamento alla famiglia, anche se il rappresentante legale della famiglia in Svizzera ha provato attraverso diversi canali.
Il loro visto è scaduto e presto non avranno più mezzi finanziari. La famiglia è ancora separata, in un limbo legale, molto vulnerabile e di fronte a un futuro incerto, compreso il rimpatrio in Afghanistan.
Perciò, ora più che mai, abbiamo bisogno del vostro sostegno per diffondere la petizione, così se il padre ottiene l'asilo, la famiglia può essere riunita. Puntiamo a completare 3'000 firme per poter inviare la petizione il più presto possibile.

2021-09-02 12:55:41 +0200

In uno sforzo senza precedenti di gruppi di volontari in quattro paesi diversi, la famiglia è stata evacuata da Kabul il 26 agosto a causa della sua alta vulnerabilità, durante una pericolosa e lunga operazione in coordinamento con l'esercito americano e funzionari ucraini. L'aereo militare che trasportava la famiglia è decollato, dopo quasi 24 ore di attesa all'ingresso dell'aeroporto e sulla pista, non appena l'attacco suicida si è verificato alle porte dell'aeroporto. Sono arrivati a Kiev il 28 agosto e hanno ottenuto un visto di transito di due settimane per poter richiedere un visto umanitario all'ambasciata svizzera. Il sistema d'asilo svizzero è molto restrittivo e le possibilità di ottenere protezione sono scarse. Pertanto, dopo essere stata evacuata da Kabul, la famiglia è ancora separata, in un limbo legale, molto vulnerabile e con un futuro incerto.

2021-08-25 04:24:15 +0200

100 Unterschriften erreicht

2021-08-24 19:11:33 +0200

50 Unterschriften erreicht

2021-08-24 17:17:57 +0200

25 Unterschriften erreicht

2021-08-24 16:51:14 +0200

10 Unterschriften erreicht