Skip to main content

An: Petizione al Consiglio Federale

Riconoscimento del genocidio contro la comunità yazidi nel nord dell'Iraq

Riconoscimento del genocidio contro la comunità yazidi nel nord dell'Iraq

Nel nord dell'Iraq, la popolazione yazidi è di nuovo minacciata. Solo otto anni dopo che l'IS ha commesso un genocidio contro di loro e poco dopo sono finalmente tornati in patria. Per questo chiediamo al Consiglio federale:

- di riconoscere ufficialmente il genocidio degli Yezidi.
- di impegnarsi nella protezione internazionale di questa comunità minacciata.
- un impegno finanziario per la ricostruzione delle aree di insediamento degli Yezidi sui monti Sinjar.

Firmate subito la nostra petizione contro la grave minaccia alla popolazione yazidi. Dopo che negli anni scorsi una parte della popolazione yezida è tornata in patria e ha iniziato una cauta ricostruzione, la comunità yezida è ora di nuovo in pericolo a causa dell'operazione militare coordinata degli eserciti turco e iracheno nel nord dell'Iraq dall'aprile di quest'anno. L'aviazione turca ha bombardato la regione e l'esercito iracheno ha preso brevemente il controllo delle aree Yezidi e ha disarmato le unità di autodifesa che vi si erano insediate.

In questa situazione di grave minaccia per la popolazione yezidi rimasta, il riconoscimento del genocidio da parte del governo svizzero è più urgente che mai.

Warum ist das wichtig?

Il 3 agosto 2022 ricorre l'ottavo anniversario del genocidio degli Yezidi da parte dell'organizzazione terroristica "Stato Islamico" (IS). In questo giorno del 2014, l'IS ha lanciato un'offensiva militare su larga scala contro le aree del nord dell'Iraq (monti Sinjar) tradizionalmente popolate dalla comunità religiosa curda degli Yezidi. Sia l'esercito iracheno che le unità della regione autonoma curda nel nord dell'Iraq (Peshmerga) hanno abbandonato la popolazione Yezida al loro crudele destino. Secondo le Nazioni Unite, l'IS ha ucciso tra le 5.000 e le 10.000 persone, oltre 7.000 donne e bambini yezidi sono stati rapiti e sistematicamente sfruttati sessualmente. Circa 400.000 yezidi sono stati cacciati dalle loro case. Una buona parte vive ancora in condizioni difficili nei campi profughi nel nord dell'Iraq.

Secondo la valutazione di una commissione delle Nazioni Unite nel giugno 2016, le milizie terroristiche dell'IS hanno commesso un genocidio contro la comunità Yezida e nel 2017 la loro persecuzione nel nord dell'Iraq è stata classificata come genocidio in corso. I terroristi dell'IS sono accusati dei seguenti crimini contro l'umanità: uccisioni, conversioni forzate, schiavitù, stupri, traffico di esseri umani e sfollamento. Il genocidio degli yezidi è stato riconosciuto dalle Nazioni Unite e dal Parlamento europeo.

Neuigkeiten

2022-07-07 17:45:44 +0200

100 Unterschriften erreicht

2022-07-07 16:33:02 +0200

50 Unterschriften erreicht

2022-07-07 16:13:07 +0200

25 Unterschriften erreicht

2022-07-07 15:58:45 +0200

10 Unterschriften erreicht