Skip to main content

An: Consigliere e consiglieri federali Alain Berset, Simonetta Sommaruga, Karin Keller-Suter, Ueli Maurer, Viola Amherd, Guy Parmelin, Ignazio Cassis, Sylvie Durrer, Ufficio federale per l'uguaglianza fra donna e uomo UFU

Parità salariale fra donne e uomini in Svizzera

Parità salariale fra donne e uomini in Svizzera

Deutsche Version: https://act.campax.org/p/lohngleichheit
Version française: https://act.campax.org/p/equalsalarychfr

Care consigliere federali
cari consiglieri federali
care aziende
care lettrici
cari lettori

Nel 1981, donne e uomini decisero che entrambi i sessi, con lo stesso lavoro e la stessa esperienza, avevano diritto a pari retribuzione. All'epoca questa decisione era stata fissata alla costituzione federale, ma finora non è stata attuata. Questo è il motivo per cui 30 anni fa, il 14 giugno 1991, molte donne andarono in sciopero per i loro diritti per la prima volta in Svizzera.

La pagina "hrtoday.ch" mostra che è prevista una revisione della legge sulla parità di genere per colmare questo divario salariale e che è entrata in vigore da luglio 2020. Secondo gli autori in rete delle Business and professional women, noi donne attualmente lavoriamo gratis fino al 22 febbraio. Secondo l'Ufficio federale di statistica del 2018, lo stipendio delle donne era dell'11,5% inferiore a quello dei nostri colleghi.

Nessuna statistica su questo argomento è stata pubblicata dal 2019, il che indica una mancanza di interesse per questa tematica. L'eliminazione di questo divario salariale attuale dell'19% (Nuovi dati emersi il 28.04.2021) non è meno urgente e importante di 30 anni fa e ha un influsso sul sistema pensionisto.

L'interesse per questa lacuna ha un impatto diretto sulla previdenza per la vecchiaia. Secondo Alliance F, noi donne riceviamo il 37% in meno di pensione rispetto agli uomini e siamo gravemente colpite dalla povertà durante la vecchiaia. È discriminatorio il fatto che le donne rispetto agli uomini devono ricorrere al doppio delle prestazioni supplementari dell'AHV per poter coprire il costo minimo della vita durante il pensionamento.

A partire dal primo luglio 2020, sino a giugno 2021 tutti i datori di lavoro con più di 100 dipendenti dovranno sottoporsi a un'analisi della parità di retribuzione. Non è prevista alcuna sanzione per il trattamento disuguale dei sessi, è il motivo per cui voglio aprire questa petizione perché ora è necessario un provvedimento per aiutare le donne in carriera e in pensionamento.

Vorrei una legge sull'uguaglianza attiva collegata a una legge sulla parità retributiva e non solo un'analisi non vincolante che, a causa dell'assenza di sanzioni, non provoca quasi alcun cambiamento o che può prendere decenni per realizzarsi.

Warum ist das wichtig?

Come scrive l'Unia: «Senza pari retribuzione, l'indipendenza economica rimane irraggiungibile per molte donne».

Con questa firma puoi aiutare ogni donna in Svizzera a combattere la disuguaglianza salariale. A mio avviso, dobbiamo discutere apertamente dei salari con i colleghi al fine di combattere la disuguaglianza salariale che è generalmente dell'11,5% sin dall’assunzione.

Invito ogni donna in Svizzera, impegnatevi.

Penso che la parità di salario non possa essere raggiunta senza aver raggiunto condizioni di vita che promuovono la convivenza fra i generi:
• un costo adeguato e proporzionato al guadagno mensile per subentrare ai costi dell'asilo nido in modo che ogni coppia o anche singola persona possa assurmersi le spese;
• l'abolizione della schiavitu' moderna in cui la donna è chiamata a soddisfare il piacere maschile con il modello nordico che questa petizione e chi firma sostiene perché non è possibile che nella società alla donna sia richiesto di sacrificare corpo, anima e psiche e all'uomo no;
• è necessario promuovere nella scuola una educazione sessuale che educhi ragazzi e ragazze al rispetto dell'altro genere e cio' in giovane età;
• inserire nella campagna scolastica una giornata per promuovere la parità di genere per fare un esame dell'anno trascorso, degli eventi accaduti e organizzati a favore di questa promozione e di cosa si puo' migliorare per ottenere una qualità della vita che abbracci ragazza e ragazzo, donna e uomo oggi e domani;
• una legge che aiuti la donna nel momento in cui la sua sessualità è deturpata in modo che un no sia anche per la legge un rifiuto e che la donna possa esprimere il libero arbitrio senza che la legge sia a suo sfavore;
• necessitiamo di una vita lavorativa che consenta alla coppia di creare una famiglia con genitori che possono alternarsi nell'educazione dei figli e che dunque sono promossi nella società ad avere piu' tempo per l'educazione dei figli, dunque sia per l'uomo che la donna;
• richiedo inoltre di una retribuzione per il lavoro domestico effettuato nelle mura domestiche.

Parla apertamente del tuo stipendio durante i colloqui di lavoro e durante i colloqui annuali. Incoraggia anche altre donne, sia durante le manifestazioni in strada e durante lo sciopero in rete. Diamo il benvenuto a tutti gli uomini che ci sostengono e incoraggiano le donne a negoziare salari migliori.

Parlane e sostieni questa petizione con la tua firma.

Per presentarsi in modo esemplare sul mercato del lavoro, invito tutte le aziende svizzere a optare per la certificazione Equal Salary. Per aumentare lealtà, motivazione e prestazioni e quindi avere un salario equo indipendentemente dal genere.

Con queste firme chiediamo all'intero Consiglio federale, a nome di tutti coloro che si sono impegnati per la parità dei generi attraverso questa petizione, per strada e online, il desiderio di stabilire una legge che entrerà in vigore entro il 2022.

P.s.: In Svizzera il secondo sciopero delle donne si è svolto solo nel 2019, per questo motivo chiediamo a tutte le nostre lettrici e lettori di considerare la possibilità di investire un'ora ogni lunedì per raccogliere firme, online o nelle stazioni, ad esempio a Basilea FFS, Berna, Ginevra Cornavin, Losanna, Lucerna, San Gallo, Winterthur, Zurigo e Zugo, dove sono state contrassegnate piccole aree per l'uso locale.

L'uso di queste aree non richiede un permesso e quindi è il luogo ideale per noi uomini e donne per far conoscere la petizione alla gente, per renderla consapevole del fatto che c'è ancora oggi un diritto alla parità di retribuzione nella nostra società ed è nostro dovere fare qualcosa in proposito.

E' un nostro diritto dal 1981 e siamo bloccati in un'immobilità incomprensibile, interrotta di nuovo l'anno scorso da un secondo sciopero, purtroppo non è sufficiente. Se sei uno studente, se hai più di 7 anni, puoi firmare la petizione e raccogliere le firme, puoi condividerla con i tuoi compagni di classe.

Se lavori a tempo parziale o a tempo pieno avete meno tempo ma un'ora a settimana è un buon investimento per il futuro di una società senza pregiudizi di genere.

Grazie per il tempo che hai trascorso per leggere questo testo, donne e uomini possono firmare questa petizione.

Illustrazione di Verónica Grech

Kategorien

Neuigkeiten

2021-04-25 11:13:21 +0200

25 Unterschriften erreicht

2021-04-25 10:34:47 +0200

10 Unterschriften erreicht