Skip to main content

An: Appello al medico e Consigliere federale I. Cassis

«Dove è la tradizione umanitaria della Svizzera?»

«Dove è la tradizione umanitaria della Svizzera?»

Deutsche Version 🇩🇪: https://act.campax.org/petitions/wo-bleibt-die-humanitare-tradition-der-schweiz
Version française 🇫🇷: https://act.campax.org/petitions/ou-est-la-tradition-humanitaire-de-la-suisse

La realtà nei campi profughi delle isole greche è orribile. E sul confine bosniaco/croato, migliaia di persone sono attualmente in pericolo di vita per congelamento. È considerato immorale usare le immagini per trasmettere la miseria dei nostri simili, ma l’accettazione, il non fare nulla, il chiudere gli occhi, l’abdicare alle responsabilità sono apparentemente maggioritari e socialmente accettabili, anche in una democrazia come la Svizzera.

I firmatari e le firmatarie sostengono la richiesta dei medici MASM del Canton Vaud (1) al loro collega Dr. med. Consigliere federale Cassis di sostenere l'immediata accoglienza di 5’000 rifugiati in Svizzera.

Warum ist das wichtig?

Il 15 dicembre 2020, 17 medici dell'associazione MASM del Cantone di Vaud (Médecins Action Sante Migrant-e-s) hanno scritto una lettera aperta al loro collega a Palazzo federale. (1) Si sono appellati al Consigliere federale Cassis in qualità di ex medico cantonale per portare in Svizzera, in modo rapido e non burocratico, alcune migliaia di rifugiati/e bloccati/e nelle isole greche. Gli hanno rivolto un appello a favore di una maggiore umanità in seno al Consiglio federale e della tradizione umanitaria della Svizzera, che, alla luce dei problemi dovuti al covid-19, sta per scomparire nel nulla.

La risposta del Consigliere federale Cassis all'appello dei medici interessati (2) consisteva, come sempre, in evasioni diplomatiche, prive di senso e senza impegno. Ancora una volta, la Svizzera ufficiale si nasconde dietro una UE incapace e restia e un po’ di elemosina che vengono distribuite come "aiuto diretto sul posto", secondo la Consigliera federale Keller-Sutter. Una piccola goccia nell'oceano.

Nella replica dei medici del 18 gennaio (3), questi sottolineano ancora una volta che le condizioni sul posto sono disumane, in alcuni casi più catastrofiche di prima dell'incendio nel campo di Moria. I resoconti delle attuali condizioni, secondo gli articoli del Tages-Anzeiger e del Lausanne Courrier (4), lasciano solo immaginare l’orrore della situazione. I medici del MASM invitano quindi ancora una volta urgentemente il signor Cassis, secondo il codice d'onore medico che lo vincola, a battersi senza compromessi per l'etica e l'empatia in seno al Consiglio federale e per le relative azioni.

Ci uniamo a questo appello e chiediamo un intervento immediato del Consiglio federale. La Svizzera deve accogliere 5’000 rifugiati in modo non burocratico, rapido e senza compromessi ed eseguire le procedure di asilo in Svizzera. Sono poco meno di 200 persone per cantone; la Svizzera può facilmente far fronte a questo. Inoltre, non hanno bisogno di letti per la terapia intensiva, ma di intensivo sostegno e calore umano...

ANDIAMO - ORA!

1) Lettera aperta dei medici del MASM al CF Dr. med. Cassis: https://uploads-campax.s3.eu-central-1.amazonaws.com/MASM%20Lettre%20ouverte%201.OK-converted.pdf

2) Risposta del CF Cassis: https://uploads-campax.s3.eu-central-1.amazonaws.com/Re%CC%81ponse%20CF%20Cassis%201.OK-konvertiert.pdf

3) Replica dei medici del MASM a I. Cassis: https://uploads-campax.s3.eu-central-1.amazonaws.com/MASM%20Re%CC%81plique%201.ok-converted.pdf

4) Articolo nel «TagesAnzeiger»: https://www.tagesanzeiger.ch/abschreckung-bis-in-den-tod-450297085179 / Le Courrier: https://lecourrier.ch/2021/01/14/evacuer-durgence-les-refugie-e-s-des-iles-grecques/

Neuigkeiten

2021-02-04 18:57:56 +0100

100 Unterschriften erreicht

2021-02-04 16:46:42 +0100

50 Unterschriften erreicht

2021-02-04 15:27:34 +0100

25 Unterschriften erreicht

2021-02-04 15:00:35 +0100

10 Unterschriften erreicht