Skip to main content

An: Presidente della Confederazione Ignazio Cassis, il Capo del Dipartimento federale degli affari esteri DFAE e il Consiglio federale nel suo insieme

Sanzioni contro la macchina da guerra di Erdogan

Sanzioni contro la macchina da guerra di Erdogan

Deutsch: https://act.campax.org/p/sanktionen-erdogans-kriege
Français: https://act.campax.org/p/sanctions-guerre-d-erdogan
Kurdî: https://act.campax.org/p/em-daxwaza-mueyidekirina-tirkiyeya-erdogan-dikin

I firmatari di questa petizione chiedono al Consiglio federale, e in particolare al Presidente della Confederazione Svizzera e Ministro degli Affari Esteri, Ignazio Cassis, di condannare il guerrafondaio Erdogan e le sue guerre nel nord dell'Iraq e nel nord della Siria. La guerra deve avere delle conseguenze. La Svizzera ha reagito - dopo qualche esitazione - alle azioni di Putin e della Russia con delle sanzioni. Pertanto, la Svizzera dovrebbe adottare sanzioni contro l'autocrate Erdogan e la sua élite.

Warum ist das wichtig?

Tutto il mondo guarda all'Ucraina, ma all'ombra dell'invasione russa ci sono altri conflitti che si stanno intensificando in questi tempi: Nel nord-est della Siria e nel nord dell'Iraq, crescono i timori di un'invasione turca.(1)

Come riporta la NZZ am Sonntag, il 20 luglio l'esercito turco ha ucciso otto turisti in una città curda nel nord dell'Iraq.(2) A giugno, la Turchia ha attaccato la piccola città di Sinune con un drone, uccidendo un bambino di dodici anni. Queste sono solo alcune delle recenti operazioni militari turche al di fuori del territorio turco.

Ankara giustifica gli attacchi dicendo che la Turchia sta dando la caccia ai terroristi nei Paesi vicini. Questo suona come Putin che giustifica la sua guerra come una "operazione militare per cacciare i nazisti di Azov in Ucraina". Crediamo fermamente che il fine non giustifica i mezzi. In particolare, non giustifica la violazione del diritto internazionale dei diritti umani e la morte di persone non coinvolte.

La Svizzera è stata troppo esitante nell'aderire alle sanzioni dell'UE contro la Russia di Putin nella guerra in Ucraina. All'epoca, questa azione fu criticata. Ora il diritto internazionale è stato nuovamente infranto e la Svizzera ha la possibilità di fare da apripista nella politica delle sanzioni. Pertanto, deve agire con coerenza e sanzionare la Turchia di Erdogan, nonostante la sua appartenenza alla NATO.

Al momento c'è una guerra in corso nel Nord dell'Iraq e nessuno la guarda o la racconta. I resoconti dei media sono praticamente inesistenti, sia a causa del crollo estivo, sia perché ancora una volta si sta verificando ‘solo’ in Medio Oriente. Per questo è ancora più importante diffondere la notizia. Perché la sofferenza è sofferenza e le vittime restano vittime, indipendentemente dalla nazionalità o dall'origine. La guerra deve essere condannata e sanzionata. Non esistono guerre e despoti accettabili e tollerabili.

In risposta all'interrogazione del parlamentare Fabian Molina - il 07.06.2022 - "Violazione del divieto di violenza secondo la Carta delle Nazioni Unite: dov'è la differenza tra Putin ed Erdogan?", il Consiglio federale ha risposto che la Svizzera è in dialogo con la Turchia e "la invita, tra l'altro, a rispettare i suoi obblighi di diritto internazionale, in particolare nell'ambito dei diritti umani e delle libertà fondamentali". (3) L’appello sembra quasi cinico, perché mentre altri autocrati vengono sanzionati, il livello di escalation è stato probabilmente calcolato male in questo caso.

Nel vero stile autocrate, in Turchia i prigionieri politici vengono torturati e le minoranze e le donne messe sotto pressione. Per sottolineare quanto Erdogan si preoccupi dei diritti umani, la Turchia di Erdogan si è ritirata dalla Convenzione di Istanbul il 1° luglio di quest'anno(!)(4) È questo l'aspetto di un importante partner negoziale e alleato della Svizzera?

Esortiamo pertanto il Ministro degli Esteri Cassis ad agire e a condannare le guerre di Erdogan e a sanzionare lui e la sua élite. Questo include il divieto di ingresso e il congelamento delle risorse finanziarie delle persone a lui vicine; assicurarsi che non venga utilizzata nemmeno un'arma svizzera in questo conflitto. La Svizzera dovrebbe inoltre sostenere la raccolta di prove e un'indagine indipendente sui crimini contro il diritto internazionale umanitario. Infine, le risorse finanziarie delle persone associate a Erdogan dovrebbero essere bloccate.

Fonti:
(1) https://www.stern.de/politik/ausland/kurden-fuerchten-sich-vor-einer-tuerkischen-invasion-im-nordosten-syriens-32529724.html
(2) https://www.nzz.ch/international/nordirak-tuerkische-angriffe-gegen-die-pkk-fordern-zivile-opfer-ld.1694646
(3) https://www.parlament.ch/de/ratsbetrieb/suche-curia-vista/geschaeft?AffairId=20227440
(4) https://www.icj.org/turkeys-withdrawal-from-istanbul-convention-a-setback-for-women-and-girls-human-rights/

Neuigkeiten

2022-09-21 16:25:51 +0200

100 Unterschriften erreicht

2022-09-20 18:19:37 +0200

50 Unterschriften erreicht

2022-09-20 15:56:48 +0200

25 Unterschriften erreicht

2022-09-16 07:40:26 +0200

10 Unterschriften erreicht