Skip to main content

To: Guy Parmelin, ministro dell'Economia e al Parlamento

Una linea rossa per la Svizzera:

🇩🇪 deutsch🇬🇧 english🇫🇷 françaisNombre total de signatures de toutes les langues

Nessun ulteriore sviluppo dell'accordo di libero scambio con la Cina senza diritti umani!

Dieci anni fa, il 1° luglio, è entrato in vigore l'accordo di libero scambio tra la Svizzera e la Repubblica Popolare Cinese (RPC). In questi dieci anni, la situazione dei diritti umani nella Repubblica Popolare è peggiorata in modo massiccio. La repressione contro la popolazione tibetana e uigura, in particolare, è aumentata in modo significativo. I diritti umani non sono affatto menzionati nel testo dell'accordo di libero scambio. Su richiesta  del mondo economico, la Svizzera vuole ora estendere l'accordo, soprattutto per includere ulteriori esenzioni tariffarie per l'industria chimica e dei macchinari.  Esigiamo una chiara linea rossa: nessun ulteriore sviluppo dell'accordo di libero scambio senza una sostanziale inclusione dei diritti umani!

“Lo Stato cinese ha torturato me e altre 100’000 persone. Il fatto che la Svizzera voglia ora intensificare il commercio con la Cina senza affrontare il tema dei diritti umani è un no-go. Per impedirlo, ti preghiamo di firmare la petizione al Consiglio federale svizzero.”
Gulbahar Haitiwaji, testimone oculare dei campi di lavoro forzato cinesi


La Costituzione federale afferma chiaramente che: la politica estera svizzera deve promuovere il rispetto dei diritti umani, favorire la democrazia e contribuire alla coesistenza pacifica dei popoli (articolo 54, paragrafo 2). Chiediamo al Consiglio federale di adempiere a questo obbligo nei suoi negoziati sull'ulteriore sviluppo dell'accordo di libero scambio con la RPC. Dopotutto, la politica commerciale svizzera deve anche essere guidata dalla Costituzione federale e rispettare i diritti umani.
Una procedura speciale solo per la Svizzera : la Svizzera è l'unico Paese dell'Europa continentale ad aver concluso un accordo di libero scambio con la RPC. Mentre i suoi partner commerciali più vicini in Europa e negli Stati Uniti stanno adattando sempre più le loro strategie di politica estera e adottando sanzioni per responsabilizzare il governo cinese per le sue massicce violazioni dei diritti umani, la Svizzera continua a dare priorità agli interessi commerciali  a scapito dei  diritti umani.
Sostenete la nostra petizione: il Ministro dell'Economia Guy Parmelin vuole recarsi a Pechino quest'estate per approfondire le relazioni con la RPC. Vogliamo dargli una chiara linea rossa da portare con sé nel suo viaggio: L'ulteriore sviluppo dell'accordo di libero scambio senza diritti umani non deve essere un'opzione nei negoziati.
In particolare, chiediamo:
-che l'articolo 54, paragrafo 2, della Costituzione federale sia definito come una linea rossa per i negoziati sull'ulteriore sviluppo dell'accordo bilaterale di libero scambio.
Una politica di successo in materia di diritti umani nei confronti della Repubblica Popolare Cinese deve essere coerente e omogenea e attuata "a tutti i livelli", come richiesto dallo stesso Consiglio federale nella sua Strategia per la Cina 2021-24.
Di conseguenza, i valori fondamentali della Svizzera, sanciti dalla Costituzione federale, devono essere applicati anche agli accordi di libero scambio.

Why is this important?

Xi Jinping è a capo del Governo della Repubblica Popolare Cinese dal 2013. Un anno dopo, è entrato in vigore l'accordo bilaterale di libero scambio con la Svizzera. Nei dieci anni trascorsi da allora, la situazione dei diritti umani nella Repubblica Popolare Cinese è nuovamente peggiorata in modo massiccio. Il governo cinese sta agendo in modo particolarmente brutale contro le comunità tibetana e uigura.  La popolazione tibetana continua ad essere gravemente oppressa nella vita quotidiana. Oltre mille persone, tra cui suore e monaci, sono state arrestate nella primavera del 2024 durante le proteste contro il progetto di costruzione di una centrale idroelettrica, che dovrebbe sommergere diversi villaggi e monasteri tibetani di grande importanza storica. Fino a un milione di studenti  del Tibet dall'età di 4 anni - ossia oltre l'80% di giovani in in età scolare -  deve frequentare collegi lontani dalle loro famiglie, dove viene insegnata loro solo la lingua e la cultura cinese. Di conseguenza, sta crescendo una generazione che non parla tibetano e non ha alcun legame con le proprie origini culturali.
Anche la situazione nel Turkestan orientale (in cinese: Xinjiang) è peggiorata in modo massiccio. L'imprigionamento di circa un milione di persone nei cosiddetti "campi di rieducazione", dove vengono indottrinate e talvolta torturate e violentate, ha fatto notizia in tutto il mondo. Sebbene alcuni di questi campi siano stati recentemente chiusi a causa delle pressioni internazionali, la popolazione uigura è strettamente monitorata anche al di fuori di questi campi e la loro libertà di movimento è massicciamente limitata:  le persone che erano detenute nei campi sono messe agli arresti domiciliari, condannate a lunghe pene detentive o costrette a svolgere lavori forzati. È stato anche documentato come il governo cinese stia portando un cambiamento drammatico nella composizione demografica della regione attraverso sterilizzazioni forzate e altre misure di controllo delle nascite per le donne uigure.
Il fatto è che: Nei 10 anni dall'entrata in vigore dell'accordo di libero scambio con la Svizzera, le violazioni dei diritti umani sono aumentate in modo significativo in Cina. La Svizzera non deve chiudere gli occhi di fronte a questo sviluppo e deve finalmente assumersi la responsabilità!


Vi ringraziamo per sostenere la nostra petizione. Può essere firmata da chiunque, comprese le persone minorenni e  che non hanno diritto di voto.

Ulteriori informazioni: Campagna della STP:

www.gfbv.ch/china

Partner

Links

Updates

2024-06-10 23:34:44 +0200

25 signatures reached

2024-06-10 12:40:42 +0200

10 signatures reached