Skip to main content

An: Parlamento e Consiglio federale

Basta con la mania della demolizione - costruiamo in modo sostenibile!

Noi, professionisti dell'architettura dell'associazione Countdown 2030 e tutti i sottoscritti, chiediamo al Parlamento e al Consiglio federale di fermare la demolizione incontrollata degli edifici e il massiccio spreco di risorse ed energia nella costruzione!

Noi chiediamo:
1. La demolizione come eccezione: l'obbligo di autorizzazione per la demolizione garantisce che ogni demolizione sia preceduta da un attento esame da parte di proprietari, committenti e autorità. Laddove la demolizione è inevitabile, si dovrebbero imporre requisiti ambiziosi per la decostruzione e il riciclaggio, in modo da ridurre la produzione di rifiuti e riutilizzare e riciclare il maggior numero possibile di componenti e materiali da costruzione.

2. Basta con i disincentivi: le agevolazioni fiscali e le misure che incoraggiano la demolizione devono essere rimosse immediatamente. Lo smaltimento dei materiali edili e dei detriti deve essere reso più costoso, in modo che il riutilizzo, la riparazione e il riciclaggio diventino economicamente più attraenti dello smaltimento.

3. Più edilizia nelle strutture esistenti: è necessario un cambio di paradigma che si concentri sull'edilizia nelle strutture esistenti. Le ristrutturazioni, le conversioni, i cambi di destinazione d'uso e gli ampliamenti strutturali, come le aggiunte e le estensioni, dovrebbero essere privilegiati rispetto alle nuove costruzioni, in modo da renderle più attraenti.

4. Obiettivi chiari per tutti gli edifici: Riciclabilità, efficienza delle risorse, basso consumo di suolo, azzerare le emissioni di gas serra durante la costruzione, il funzionamento, la manutenzione e la decostruzione sono requisiti vincolanti per le costruzioni future. Nel caso di edifici sostitutivi, si deve anche garantire che il nuovo edificio crei un valore aggiunto significativo rispetto all'edificio esistente e sia di interesse pubblico.

5. Il settore pubblico fa da apripista: il governo federale, i Cantoni e i Comuni devono dare l'esempio nell’ambito dei progetti di edilizia pubblica e di ingegneria civile e dimostrare che è possibile costruire in modo sostenibile. Concretamente, ciò significa, in ordine di priorità: 1. preservare ed evitare la demolizione; 2. rinnovare e convertire; 3. ampliare e soprelevare; 4. costruire in modo circolare, con una costruzione e un funzionamento a emissioni zero.

Warum ist das wichtig?

I rifiuti svizzeri sono costituiti per l'84% da rifiuti edili: la nostra cultura della demolizione produce oltre 500 kg di rifiuti edili al secondo. Le discariche si stanno riempiendo più velocemente rispetto al tempo necessario per crearne di nuove. Inoltre, circa un terzo dei gas serra svizzeri è causato direttamente dai nostri edifici e dalle nostre attività di costruzione.

Dobbiamo ripensare il modo in cui utilizziamo le nostre risorse naturali, il modo in cui ci confrontiamo gli edifici esistenti e il modo in cui costruiamo. Il patrimonio esistente è prezioso e ha un potenziale: offre cultura edilizia, spazi sociali e liberi di qualità, nonché gli stessi materiali da costruzione, che contengono molta energia grigia.

Il compito dell'architettura è quello di dare risposte progettuali valide. È compito dell'industria sviluppare prodotti sostenibili. Ed è compito della politica creare il contesto per una cultura della costruzione sostenibile. La Confederazione deve agire e consentire e sostenere i Cantoni e i Comuni ad affrontare con determinazione la transizione verso un’'edilizia sostenibile.

Kategorien

Neuigkeiten

2022-10-02 12:54:57 +0200

100 Unterschriften erreicht

2022-10-02 10:33:13 +0200

50 Unterschriften erreicht

2022-10-02 10:13:37 +0200

25 Unterschriften erreicht

2022-09-26 08:57:11 +0200

10 Unterschriften erreicht